Il bisogno comunicativo alla base dei comportamenti problema nei bambini

I comportamenti inadeguati nei bambini sorgono da un bisogno comunicativo vista la carenza di forme di comunicazione adeguate quando queste non hanno avuto o non hanno più ottenuto conseguenze rinforzanti. In presenza di un comportamento inadeguato, bisogna sempre chiedersi quale sia la sua funzione comunicativa.
I comportamenti problema funzionano come una forma primitiva di comunicazione per i bambini che non possiedono ancora, o che non usano, forme più sofisticate di comunicazioni tali da permettere il raggiungimento degli effetti desiderati.
Diversi studi testimoniano che i bambini con sviluppo tipico manifestano vari comportamenti problematici, come il pianto e l’aggressione, al fine di ottenere attenzione, sottrarsi a situazioni spiacevoli o accedere a gratificazioni.
Man mano che sviluppano forme comunicative più evolute (verbali e non) queste vengono utilizzate per raggiungere i propri obiettivi andando a sostituirle vecchie modalità comunicative.


Bell e Ainsworth (1972) hanno studiato l’evoluzione di queste procedure primitive in forme più sofisticate di comunicazione: le osservazioni condotte su un gruppo di bambini durante il primo anno di vita hanno mostrato che il pianto esercitava una notevole influenza sugli adulti, i quali in risposta ad esso si avvicinavano al bambino, lo prendevano in braccio, parlavano con lui, gli davano da mangiare o gli offrivano dei giocattoli.
Il risultato più rilevante di questa ricerca è che i bambini che sviluppavano per primi forme più evolute di comunicazione (gesti e vocalizzazioni) erano anche i primi a smettere di utilizzare il pianto come modalità primaria di influenza sugli altri.
Quindi la procedura primitiva del pianto veniva sostituita da modalità comunicative più sofisticate e successivamente dal linguaggio.
Anche l’aggressione è stata considerata allo stesso modo: studiando un campione di bambini di 2 anni, Brownlee e Bakeman (1981) hanno rilevato che alcuni atti aggressivi, come colpire un compagno con la mano aperta o con un giocattolo, permettevano di ottenere le conseguenze desiderate, come l’evitamento o l’ottenimento di un’interazione sociale.

Questi comportamenti non erano più utilizzati dai bambini di 3 anni che sviluppavano e utilizzavano il linguaggio per influenzare i compagni.
Altri studi hanno osservato la permanenza dei comportamenti inadeguati in bambini che presentano un ritardo nello sviluppo del linguaggio.
Stevenson e Richman (1978) hanno confrontato due gruppi di bambini di 3 anni: uno era composto da bambini con ritardo nello sviluppo del linguaggio espressivo e l’altro da bambini con normale sviluppo del linguaggio. I risultati hanno evidenziato che il primo gruppo, rispetto al secondo, esibiva una più ampia gamma di comportamenti inadeguati.
Ricordare che i comportamenti inadeguati sono il frutto di una mancanza di abilità comunicative funzionali è importante per un duplice motivo. In primo luogo evita che la presenza di comportamenti inadeguati diventi una caratteristica della persona: infatti come dice Ianes (1992,pp.1-2), “si è andata via via consolidando l’opinione purtroppo molto comune e diffusa, che la persona con ritardo mentale grave o autismo debba necessariamente presentare dei comportamenti problema, e che questi siano una caratteristica intrinseca di queste condizioni per gran parte immodificabile e dipendente dalla patologia stessa”. In secondo luogo responsabilizza maggiormente genitori, insegnanti e terapisti, che hanno il compito di capire sempre la funzione comunicativa del comportamento in questione, dare le giuste conseguenze e, soprattutto, insegnare una forma comunicativa sostitutiva adeguata.


Qualunque intervento deve avere l’obiettivo non solo di gestire o estinguere i comportamenti inadeguati ma anche di fornire alla persona forme di comunicazione alternative, adeguate in base alle sue abilità, che le permettano di comunicare i propri bisogni.

A cura della dottoressa Elisabetta Lombardo

Psicologa – Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...